Macaron al cioccolato, ricetta facile


I dolcetti tondi francesi più famosi al mondo


Buongiorno a tutti cari lettori. Cosa ne dite di fare un salto a Parigi quest'oggi? Si intende, con la mente.
Dovete sapere che una leggenda dei macaron narra che questi dolcetti nascono proprio in Italia e una volta regalati a Maria Antonietta, la Francia, decise di farli propri modificando un po' la ricetta.
Ma come tutte le leggende che circolano, la verità è stata persa nel tempo (vedesi pasta italiana VS pasta cinese).
Vi lascio la ricetta che io e la mia ragazza abbiamo sperimentato più di una volta, poiché effettivamente è una ricetta un po' complessa da elaborare, ma non poi così ardua da compiere.
Ma questa la considero quella definitiva!

Mi raccomando, seguite i trucchetti che vi abbiamo consigliato per avere una quasi certezza di riuscita perfetta e non demordete al primo tentativo, la fatica verrà ricompensata.

LA RICETTA DI MARCO

Ingredienti


  • 100 gr di mandorle pelate
  • 100 gr di zucchero a velo
  • 2 albumi
  • 15 gr di zucchero semolato
  • essenza di vaniglia

Preparazione


  1. In un mixer potente mettete le mandorle e iniziate a tritarle, quando saranno fini, sempre a mixer attivo, aggiungere lo zucchero a velo cucchiaio dopo cucchiaio.
    Di tanto in tanto spegnere il mixer e dare una mescolata a mano.
    Il risultato deve essere una polvere finissima che dovrà essere setacciata! Buttate o riciclate gli avanzi che rimarranno nel setaccio
  2. Montare a neve con lo zucchero semolato gli albumi, rendendo il composto solidissimo.
  3. Unire all'albume montato la polvere di zucchero e mandorle, mescolando dall'alto verso il basso con un lecca-pentole.
    Lavorate delicatamente per almeno 3 minuti consecutivi. L'impasto così creato dovrà risultare compatto, liscio e lucido.
  4. Prendere una sac-a-poche fornita di una bocchetta media liscia. In una placca da forno, ricoperta di carta da forno, creare delle palline di impasto, piccole e  ben distanziate. Preferibilmente tutte uguali.
  5. Una volta create farle riposare un'ora abbondante all'aria prima di infornarle.
    In questo tempo di riposo l'impasto migrerà, quindi attenzione a non trovarvi un maxi macaron perché non avete ben distanziato il composto.
    Cuocere per 9 minuti ad altezza media in forno a 140º ventilato. Passati i 9 minuti, aprire il forno e lasciar cuocere ancora un minuto. Sfornateli e fateli raffreddare sulla teglia.
    Ci vorrà una mezz'ora per averli freddi e solo a questo punto possiamo staccarli molto delicatamente dalla carta da forno e farcirli.

Una volta pronti potete farcirli con una crema a piacere:

Io uso la crema di nocciole, del cioccolato fondente sciolto e un po' di calda. Basterà montarla leggermente dopo averla fatta riposare in frigo un'ora.
Ma si possono fare anche con crema pasticciera o crema al mou, oppure una crema al burro che potete colorare e insaporire con essenze e coloranti, per renderli più divertenti.

A proposito di coloranti, nessuno vi vieta di inserire nell'albume d'uovo del colorante alimentare in polvere per far risultare colorato il macaron.
Io personalmente adotto questo metodo:
Metto pochissimo colorante nell'impasto e poi una volta cotto e raffreddato coloro il guscio con un pennellino alimentare e una punta di coltello di colorante in polvere diluito in 2 cucchiaini di vodka.
Bisognerà farli asciugare all'aria 2 ore una volta spennellati e poi farcirli a piacere.

Il macaron si otterrà unendo due biscotti con un abbondante quantità di crema.
Il gusto originale (cioè friabile fuori e spumoso dentro) si otterrà conservando i macaron in un barattolo ermetico in frigo per almeno 24 ore prima di consumarlo.
È un dolce molto curioso, è più buono se "vecchio". Possono essere consumati anche nell'arco di tre giorni se conservati bene e se la crema di farcitura non è facilmente deteriorabile.

Ma vi assicuro che finite le 24 ore di riposo avranno vita breve =D


31 commenti:

  1. Ciao Marco, grazie per la ricetta! In effetti non so se identificare i macarons nella categoria CIOCCOLATINI CARAMELLE & CO ma poi con la tua introduzione mi hai convinta perchè hai centrato il concetto: dolci piccoli tipo cioccolatini, da mettere in un portacaramelle.
    Grazie e a presto!
    More

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio allora per averla accettata =) in qualsiasi caso spero che questa ricetta ti possa essere utile per la tua raccolta. Io li trovo uno sfizio golosissimo!!!
      Ti seguo sempre, a presto

      Elimina
  2. Risposte
    1. con un pò di pazienza il risultato è ottima e non è neanche molto faticoso... viva i robot da cucina =)

      Elimina
    2. ciao.... ma il lievito non serve?

      Elimina
    3. No non serve perché comunque rimane biscottoso

      Elimina
  3. Wow sono splendidi :) complimenti sei molto bravo!
    Luna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di sicuro li proverò perchè sono sempre curiosa di sperimentare cose nuove :))))

      Elimina
  4. ciao! arrivo qui proprio dal contest di Morena...
    bellissimi i tuoi macarons... io ho un intolleranza (tra le tante) agli albumi quindi haimè non riesco ad immaginarne il gusto... ma dall'aspetto vien voglia di mangiarne, quindi complimenti... da oggi sono tra i tuoi lettori, passa pure da nel mio blog ma non avrai nulla da imparare perchè le mie ricette sono semplicissime

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ci passo volentieri perchè come scrivo sempre nelle mie ricette, la semplicità conquista sempre =)
      mi spiace che tu non riesca a poterli assaggiare... potrei consigliarti di provare a farli sostituendo l'albume con della panna vegetale montata fermissima però sinceramente non immagino il risultato =) però chissà sperimentando cosa esce !!!
      a presto, ti seguo anche io !!

      Elimina
  5. ciao! sai che ci avevo pensato anche a sostituire gli albumi montati a neve con la panna montata? sopratutto nei dolci soffici tipo una ciambella... non ho ancora avuto il coraggio di sperimentare perchè la panna col caldo si smonta no?! aspetterò un giorno di follia :D

    RispondiElimina
  6. Ciao Marco ma come ti sono riusciti bene! Fantastici.... Chissà che bontà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ma quando c'è un dolce sul mio blog c'è sempre lo zampino della mia ragazza :)

      Elimina
  7. Ciao Marco! proprio qualche giorno fa ho provato a farli.. nn molto convinta ti dirò... infatti hanno preso una forma stana...aahahahaha ma di buon sapore... ho trovato una ricetta.. tra qualche giorno la provo... è diversa dalle altre.. preparata da cuochi d'eccellenza.. speriamo bene! i tuoi sono molto ma molto meglio dei miei!ahahah bravo!
    Ciao Dany

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie spero che ti vengano bene al prossimo giro. Non amo le ricette dei cuochi d'eccellenza poche usano sempre ingredienti introvabili XD però li stimo molto per la loro professionalità

      Elimina
  8. lo sai che non li ho mai preparati? devo rimediare i tuoi ti sono venuti benissimo!Buon weekend!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova, magari con questa ricetta e fammi sapere. Ci vuole solo un po' di pazienza ,a il risultato è assicurato

      Elimina
  9. devo provare a farli mia figlia li adora nuova follower se ti va seguimi ciao

    RispondiElimina
  10. qst ricetta te la rubo....mi farò coraggio e vediamo cosa esce :))

    RispondiElimina
  11. Ciao, grazie per la ricetta. Nella foto vedo che alcuni sono piu' scuri: li hai colorati aggiungendo del cacao? ciao Mari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. esattamente, si possono colorare anche con del colorante alimentare ma l'importante è che sia in polvere per un risultato migliore!! se no il cacao da già un bell'effetto naturalmente =)

      Elimina
  12. Ma devono riposare una notte in frigo da cotti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, una volta cotti e farciti è preferibile conservarli in frigo una notte così da raggiungere la consistenza "famosa". Spero di esserti stata d'aiuto, se ti interessa puoi seguirmi anche su Facebook.
      A presto

      Elimina