Uovo al padellino destrutturato




Uovo alla Cracco rivisitato


Tutti ormai conosceremo il famoso e fantastico Carlo Cracco! Il super giudice di Master Chef, cattivo ma giusto. Preciso e professionale.
L'altro giorno guardando La7 mi becco Benedetta Parodi che cucina con lui.
Guardo la ricetta e vedo questo fantastico uovo fritto, croccante all'esterno e soffice e spumoso all'interno.
Li capisco che è un genio. In effetti è noto il detto - i grandi chef sanno cucinare perfettamente le uova-.
Decido di cimentarmi anche io e al primo tentativo mi riesce.
Ma come sapete mi piace mettere un pò di fantasia in cucina e allora decido di creare un uovo al padellino destrutturato.
Dite la verità, già in nome vi ha affascinato =)

LA RICETTA DI MARCO


Ingredienti per 2 persone


  • 2 tuorli d'uovo, freschissimi.
  • Pan grattato, un etto
  • Metà cavolfiore
  • Un panettino di formaggio spalmabile. 65gr
  • Sale, noce moscata Q.B.
  • Olio di semi

Preparazione

La parte più lunga la porta via fare il tuorlo (il rosso) di uovo fritto.

  1. Prendere due ciotoline piccole, una tazza da thè potrebbe andare benissimo.
  2. Fare un fondo alto 2 cm di pangrattato, fare un leggero solco in centro. Aprire l'uovo, dividere il tuorlo dall'albume e adagiare con molta delicatezza il tuorlo nel solco creato.
    Il tuorlo non deve rompersi.
  3. Una volta fatto spolverizzare tanto pangrattato sopra, quanto ne serve per coprire abbondantemente il tuorlo.
  4. Poniamo il tutto, sempre con delicatezza in frigorifero per 2 ore e mezza.
    Praticamente il pane grattato assorbirà l'umidità della superficie esterna dell'uovo e permetterà di maneggiarlo.
  5. Nel frattempo cuciniamo il cavolfiore, potete farlo bollito o a vapore. Come da vostra abitudine, l'importante è che sia ben cotto.
    Una volta cotto, frullatelo con il panettino di formaggio spalmabile e aggiustate di sale e noce moscata.
  6. Passate le due ore, togliete il pangrattato in eccesso, facendo riemergere il tuorlo. Aiutandovi con un cucchiaio tiratelo su e adagiatelo nell'olio bollente.
    L'olio ben caldo dovrà dorarlo, non fatelo cuocere molto se no perderà la morbidezza interna.
  7. Scolatelo e salatelo leggermente.
  8. In un piatto ora potete mettere a specchio la salsa si cavolfiore e da un lato il tuorlo di uovo.

P.S.: La salsa non deve essere per forza calda, a temperatura ambiente andrà benissimo, servite subito così una volta che rompete la crosta del tuorlo d'uovo, la fluidità condirà ulteriormente la salsa bianca, creando un piacevole effetto croccante/soffice-caldo/freddo.
Direi che può essere un ottimo e divertente antipasto.
=)

11 commenti:

  1. Io ho sempre detto che fare bene un uovo fritto non è così semplice, e infatti delle uova che faccio io non sono mai completamente soddisfatto! Il tuo uovo è fantasico; proverei a rifarlo, ma non mi piacciono i cavolfiori né le altre verdure a foglia bollite. Potrei sostituirli con altro, es melanzane o zucchine?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho usato il cavolfiore perchè ha una consistenza robusta e soprattuto il colore bianco che richiama l'albume. Un'idea potrebbe essere quella di fare una melanzana al forno e con la polpa creare la salsa. Sarebbe buono lo stesso ma perderesti sull'effetto ottico =)

      Elimina
  2. Ciao Marco :) Ho realizzato il tuorlo fritto un po' di tempo fa e devo dire che è buonissimo! Bella la tua versione destrutturata, complimenti :) Buona serata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie, mi piace sempre rivisitare le cose... si hai ragione è proprio buono. I grandi cuochi hanno sempre ottime idee =)

      Elimina
  3. Gran bella idea!!! :) sarà sicuramente anche buono!! :) continua così!!

    RispondiElimina
  4. E'una ricetta meravigliosa... nei ristoranti la fanno con tutti i crismi, con un apparecchio particolare, che si chiama "forno Roner" e che cuoce l'uovo a 67° per circa un'ora, dopodiché l'albume viene gettato e rimane il tuorlo. L'ho mangiato in un bistrot di Verona, con fonduta di parmigiano al tartufo (so che sei allergico... scusa!!!) e un croque madame...
    Grazie per averci spiegato come prepararlo in casa, lo proverò sicuramente e non mancherò di citarti, se lo pubblicherò sul blog!

    RispondiElimina
  5. ciao bellissimo blog :D se ti va passa a dare un occhiata al food contest dedicato al colore viola :D ne sarei davvero contenta ^^
    http://letrecucchiarelle.blogspot.it/2013/12/purple-food-contest-di-le-tre.html

    RispondiElimina
  6. Ciao Marco! Cracco ti fa un baffo!!Sei bravissimo. Buona serata:)

    RispondiElimina