Insalata di polpo con patate e olive nere


La ricetta di come la mia famiglia cucina il polpo

EDIT 31/08/2015

Finalmente riesco a pubblicare una nuova ricetta. Sulla pagina Facebook del blog l'avevo promessa da tempo ma ho avuto mille inconvenienti che poi vi racconterò nel prossimo post perché c'è da ridere (per non piangere!).
A me piace talmente tanto che l'ho messa come copertina della pagina Facebook!

Questa ricetta è di mio padre, io ve la riporto con delle licenze poetiche poiché non me la mai decentemente spiegata, ma ho il dubbio che lui segua anche un po' la ricetta più vecchia del mondo... quella denominata "ad cazzum" XD!

-QUESTO È UN AGGIORNAMENTO DELLA RICETTA, ANCORA PIÙ FACILE E VELOCE. PARTENDO SEMPRE DALLE LINEE GUIDA DI MIO PADRE HO AGGIUNTO MIEI ACCORGIMENTI PERSONALI PER OTTENERE IL MIGLIOR RISULTATO, COL MINOR TEMPO.

LA RICETTA DI MARCO

Ingredienti per 6 persone


  • 1 kg di polpo
  • 4 patate medie
  • 180 gr di olive taggiasche
  • prezzemolo
  • sale e pepe
  • olio e aceto di mele

Preparazione

  1. Come prima cosa facciamo bollire le patate, partendo da acqua fredda salata con la buccia. Fate attenzione poiché la cottura della patata delle risultare al dente. Aiutatevi con uno stuzzicadenti, deve forare la patata ma non con troppa facilità. Secondo me dai 25 minuti da quando bolle l'acqua potete iniziare con il controllo. Questo passaggio potrà sembrare superfluo ma in realtà è fondamentale poiché se la patata è troppo cotta si sfalderà nell'insalata e farà sembrare la vostra creazione un purè informe di ingredienti.
    Puoi cuocere le patate come ti ho scritto sopra, oppure usare il metodo del microonde, che è più veloce e utile.
    Se cuoci le patate al microonde rimarranno più asciutte e compatte ed eviterai l'effetto purea nell'insalata di polpo.
    Quindi, sciacqua le patate, bucale da parte a parte, creando almeno 5/6 buchi (questo è importante per la cottura, certi dicono che addirittura senza buchi possano esplodere), facendo attenzione con l'aiuto di uno stuzzico per spiedini. Mettile umide in un piatto da microonde e coprile con due scottex imbevuti di acqua. Se hai il coperchio da microonde, usa anche quello. Cuoci al max della potenza del microonde per almeno 7 minuti. Finito il tempo, lasciale riposare 5 minuti nel microonde e poi pelale. Attenzione al calore.
  2. Passiamo al polpo: Fai bollire molta acqua in una pentola molto capiente, non salata!
    Il polpo di solito si compra già decongelato (è rarissimo che ti vendano un polpo fresco) e questa volta sarà un vantaggio. Infatti il polpo se congelato e poi decongelato risulterà molto più tenero a fine cottura.
    Quando l'acqua bolle prendi il polpo dalla testa e inzuppalo quasi interamente dentro l'acqua e toglilo. Tipo bustina del Te. Questo per 3 volte! Alla terza volta immergilo tutto e lascialo cuocere semi coperto. Appena l'acqua riprenderà il bollore vigoroso, abbassiamo al minimo la fiamma per farlo cuocere pian piano. (Molti dicono che non serve, io lo faccio, tanto non costa nulla).
    Devi sapere che il polpo più è grande più è facile da cuocere. Un polpo piccolo rimarrà sicuramente più coriaceo. Per un polpo da un kg io lo faccio cuocere almeno un ora, anche un ora e venti.
  3. Una volta cotto puoi scolarlo e lasciarlo riposare sul tagliere 10 minuti. Una volta tiepido taglialo a pezzettini delle stesse dimensioni dei pezzettini di patata. Unisci le olive velocemente sciacquate (possibilmente denocciolate) e il prezzemolo tritato finemente.
    Io lo condisco con olio di oliva, sale, pepe e un cucchiaio di aceto. Comunque la quantità del condimento è soggettiva.

    Servila a temperatura ambiente, ma conserva il polpo con le patate sempre in frigo coperto.

Ti lascio anche la foto della cottura delle patate classiche, a molti piace la patata più cotta e morbida e con la bollitura spesso riesce proprio così.
Sperimenta le due versioni e fammi sapere quale preferisci.





2 commenti:

  1. wow buonissima! una ricetta fresca e giusta per l'estate :)) buona serata, ciao Andrea

    RispondiElimina
  2. Buonerrimo! Che fame! Peccato che non ho del polpo in casa!
    :)

    RispondiElimina