Purè di cavolfiore


Alternativa proteica e altrettanto buona al classico purè


Una coccola che mi concedo spesso in cucina è il purè di patate. Lo considero una coccola perché facendolo con l'ausilio dello schiaccia patate non hai nemmeno la scocciatura di doverle pelare una volta cotte.
Dato però che mi piace variare sempre i miei pasti, ho pensato ad un'alternativa altrettanto buona ma con più benefici. 
Le patate sono sicuramente una delizia ma non hanno grandi proprietà, al contrario del cavolfiore!
Tipologia di cavolo molto economico e proteico, il cavolfiore ha un aspetto poco "rassicurante"; molti non sanno da che parte incominciare per pulirlo o cuocerlo, invece è molto semplice prepararlo:
vi basterà prendere il cavolo, togliere tutte le foglie verdi e tagliare la base più dura e coriacea. A questo punto può essere tagliato a fette, magari un po' spesse e poi a cubi.
Una volta che lo mettete a bollire per 30 minuti sarà pronto per essere trasformato in qualsiasi ricetta vi gusti di più.
Questa ricetta per la sua semplicità rientra a pieno titolo nella rubrica cucina per single, sia perché potete cucinarla e tranquillamente congelarla ma sopratutto perché ci vuole pochissimo per prepararla.
Se volete vedere le altre ricette per single, eccoli qui!


LA RICETTA DI MARCO

Ingredienti

  • 1 kg di cavolfiore
  • 1 patata media
  • 1 cucchiaino di curcuma
  • sale e pepe QB
  • 1 tazzina di latte
  • 1 cucchiaio di parmigiano
  • 30 gr di burro

Preparazione

  1. Pulisci il cavolfiore e fallo bollire per 30 minuti in abbondate acqua salata e un po' di aceto, così da neutralizzare l'odore, insieme alla patata privata della buccia.
  2. Una volta cotto scolalo. Nella stessa pentola rimetti il cavolo cotto insieme alla patata e unisci il latte e la curcuma.
  3. Frulla con l'aiuto di un frullatore ad immersione creando una pappetta. 
  4. Accendi nuovamente il fuoco al minimo per scaldare il purè e condiscilo con parmigiano, burro e pepe. Nel caso aggiustalo di sale.
    Una volta caldo e ben omogeneo puoi servirlo.
Il colore giallo e il sapore di parmigiano, insieme alla cremosità, trarrà in inganno tutti e potrete convincere anche i vostri figli che quello che stanno mangiando non è cavolo =)
In qualsiasi caso io lo mangio spesso perché oltre fare molto bene è molto gustoso. Risulta ottimo come contorno per tutte le pietanze di carne.
Provatelo e fatemi sapere!

Nessun commento:

Posta un commento