Frittelle di cavolfiore in pastella



Condividi su

Il cavolfiore che piacerà a tutti

Una delle ricette che lego maggiormente alla mia infanzia passata in cucina con la nonna sono le frittelle di cavolfiore. 
Per farmi mangiare le verdure mia nonna aveva una tecnica infallibile: le friggeva!

Non era sicuramente difficile quindi farmele ingurgitare.
Crescendo poi ho affinato il palato e migliorato il mio gusto e quindi le varie frittelle o verdura fritta sono state sostituite da versioni più light ma comunque sempre sfiziose, come il mio purè di cavolo!
Quando però mi voglio coccolare sfodero queste ricette della tradizione e mi preparo le frittelle di verdura!
L’autunno ci permette di avere ottimi cavolfiori a poco prezzo, quindi perché non procedere a preparare in abbondanza le frittelle di cavolo bianco?! Tanto poi con la tecnica per friggerlo bene e scaldarlo potrete gustarvele anche la sera o il giorno successivo!! 

LA RICETTA DI MARCO


Ingredienti per 6 persone


  • 1 cavolfiore (1 kg circa)
  • 1 uovo 
  • 6 cucchiai di farina
  • 1 busta di zafferano
  • 1/2 scorza di limone grattata
  • 1 bicchiere di vino bianco frizzante
  • 1 cucchiaino di sale
  • Pepe QB
  • Olio per friggere

Preparazione


  1. Pulisci il cavolo eliminando le foglie esterne e  il ceppo centrale, così da tenere solo la testa del cavolfiore con tutti i suoi fiorellino attaccati. 
  2. Taglia i fiori per ottenere dei pezzi di cavolo non molto grandi. Puoi tagliato sia a fette o mantenendo la forma del fiore, basta che in entrambi i casi non superino la dimensione di mezzo dito. 
  3. Lava i pezzi di cavolo e procedi alla cottura.
    Puoi cuocerlo in forno a microonde per 10 minuti al massimo della potenza o in acqua salata bollente per 15 minuti (La prima tecnica fa emanare meno odore). 
  4. Fai raffreddare il cavolo una volta cotto e nel mentre prepara la pastella per le nostre frittelle.
    Per prepararla ti basta aggiungerei ordine dentro una ciotola: l’uovo, sale, pepe, zafferano e buccia di limone. Successivamente metà farina e metà vino mentre mescoli con una frusta, una volta amalgamato il tutto il resto della farina e vino.
    Frustando bene, otterrai una pastella fluida ed appiccicosa. 
  5. Scalda abbondante l’olio per friggere ed una volta raggiunta la temperatura tuffa delicatamente il cavolo impastellato (non ti preoccupare dell'odore di fritto, qui ti spiego come eliminarlo!)
  6. Friggi 4 o 5 pezzi di cavolo in pastella alla volta e girali poco. Appena le frittelle saranno dotate potrai scolarle su della carta assorbente. 
Consigli: se ne fai tante di frittelle (o avanzano) puoi congelarle. Però ricorda che quando le Andrai a scongelare non potrai usare la mia tecnica per scaldare il fritto tenendolo friabile, perché non funzionerebbe molto! Allora potrai scongelarli e scaldarli al forno a 180º per 10 minuti con besciamella e pezzi di prosciutto cotto! Avrai un ottimo secondo piatto in pochissimo tempo! 

Nessun commento:

Posta un commento