Super cotoletta di pollo, gustosissima

Coscia di pollo, utilizzata in modo originale

Spesso ci si trova con degli ingredienti che un po' per pigrizia e un po' per comodità si utilizzano sempre nella stessa maniera. Questo però a volte ci fa perdere grandi ricette che ci permetterebbero di cambiare il nostro menù da portare a tavola.

La coscia di pollo

Il pollo è forse una delle carni più consumate. Leggero, versatile e facile da cucinare, la carne di pollo è un ottimo alleato in cucina.
Se poi è vero che il pollo è tutto sfruttabile, spesso si tende a concentrare la propria spesa sul petto e sulla coscia, abbinata alla sovracoscia.

Cosce solo al forno?

Le cosce di pollo non si mangiano solo cotte al forno. Ci sono molte varianti per prepararle: bollite, lessate, in padella e anche fritte. Proprio quest'ultima versione è quella più gustosa ma anche la più complessa da preparare.
Ma c'è un metodo per rendere la preparazione molto facile.

Disossare la coscia di pollo

Sfruttare la polpa della coscia e della sovracoscia di pollo è un'ottima idea per preparare una ricetta classica, come la cotoletta di pollo, ma in una versione super gustosa e di sicura riuscita. Spesso friggere una coscia di pollo intera fa incappare in errori, quali la cottura non completa della carne o il bruciare l'olio della frittura.

Disossando invece questo pezzo di carne si otterrà una bella bistecca, che può essere anche appiattita con il pesta carne e quindi essere certi della cottura.
Vi lascio il mio video tutorial per disossare facilmente la coscia e la sovracoscia di pollo:


LA RICETTA DI MARCO


Ingredienti per 2 persone

  • 2 cosce con sovracoscia disossate e leggermente appiattite
  • pangrattato
  • senape
  • olio per friggere
  • sale e pepe

Preparazione

  1. In una ciotola aggiungere 1 bicchiere di acqua tiepida e mescolarla con una forchetta, insieme ad un cucchiaio di senape.
  2. Immergere le bistecche di cosce di pollo disossate e fatele riposare almeno 10 minuti.

                                                       
  3. Insaporire il pangrattato con spezie o erbe aromatiche a piacere. Io ho optato per scorza d'arancia e pepe nero. Ma è ottimo anche con maggiorana e timo o semplicemente con tanta paprika dolce.
  4. Recuperare la carne dalla marinatura e senza scolarla troppo impanarla. L'acqua aromatizzata e le proteine della carne faranno da ottimo collante.
  5. Dedica del tempo all'impanatura, dovrà essere ben schiacciata e totalmente coperta dal pangrattato.
  6. Friggere in abbondante olio, una bistecca per volta. Girala più volte nell'olio e quando sarà ben dorata scolala su carta assorbente e servi ben calda.           
                                                   
Se ti è piaciuta la ricetta condividila su Facebook! 
E se non vuoi perdere i vari aggiornamenti, iscriviti alla mia pagina Facebook, Instagram e al nuovo canale Youtube dove propongo idee veloci o tutorial. Mi trovi ovunque come @laricettadimarco



Leggi tutto...

Abbracci di branzino e prosciutto crudo di Parma

Un abbinamento delizioso di carne e pesce

Oggi parliamo di un abbinamento considerato poco ma che può regalare grandissime soddisfazioni, quello della carne e del pesce insieme.
La ricetta che vi propongo su questo tema è in collaborazione con l'azienda San Pietro, prosciuttificio di Lesignano De'Bagni.
Il prosciutto crudo di Parma, che userò, nasce da un'esperienza familiare di oltre un secolo, che ha permesso la creazione di un prodotto di qualità nel rispetto della tradizione. 

La carne e il pesce, presto sposi

Ormai di abbinamenti tra carne pesce ne conosciamo molti di collaudati: gamberetti e bacon, pollo e calamari... solo per citarne un paio. Sicuramente il re dell'abbinamento, soprattutto in questi casi, è l'insaccato; i prosciutti, come anche la pancetta, possono veramente unirsi a qualsiasi ingrediente, anche al pesce.

Rispettare l'equilibrio

Quando però si vuole sperimentare qualche cibo "incrociato", quale carne con del pesce, bisogna sempre tenere in conto l'equilibrio dei vari alimenti. La linea guida generale è quella che un alimento deve sostenere l'altro e mai scontrarsi.
Per esempio in questo caso il prosciutto crudo di Parma San Pietro dal gusto dolce e saporito, sostiene e si sposa perfettamente con quello del branzino, leggero e profumato.

LA RICETTA DI MARCO


Ingredienti per 3 persone 

  • 4 filetti di branzino
  • 2 vaschette di prosciutto crudo di Parma, San Pietro
  • 1 zucchina
  • sale&pepe
  • olio EVO

Preparazione

  1. La parte più complessa di questa ricetta è quella della gestione del branzino.
    S
    e desiderate potete prendere il pesce fresco e sfilettarlo per ottenere appunto i filetti necessari. Oppure optare per comprarlo in pescheria e chiedere a loro di fare questo lavoro. Io personalmente compro i filetti di branzino congelati, che se di qualità sono buonissimi e mi devo preoccupare solo di togliergli la pelle.
  2. Per togliere la pelle ai filetti di branzino congelati, basterà scongelarli (rigorosamente in frigo) e una volta di nuovo morbidi, adagiare il filetto su un tagliere, dalla parte della pelle. Con il tagliere ben fermo, far scorrere un coltello lungo, affilato e sottile tra la pelle e la carne per dividerle.
  3. Una volta ottenuto il filetto pulito bisogna tagliarlo a metà per lungo e adagiarci sopra una striscia sottile di zucchina.
                                              
  4. La strisciolina di zucchina sarà facilissima da ottenere, infatti servirà semplicemente un pelapatate e cercare di sfruttare al meglio la parte verde dell'ortaggio (questa parte è infatti la più saporita e croccante.
    Il resto della zucchina non buttatelo ma usatelo per un soffritto, una minestra o congelato per un futuro ripieno. In cucina non si spreca mai nulla!
  5. Una volta fatto lo strato di zucchina su ogni filetto di branzino non resta che adagiare una fetta di prosciutto crudo di Parma San Pietro: anch'essa potrà essere tagliata a metà per lungo per distribuirla meglio.
  6. Quando si saranno conclusi i tre strati sarà il momento di arrotolare ogni filetto e fermarlo con uno stuzzicadenti. Avremmo così ottenuto il nostro abbraccio che ricorderà anche una rosellina.
                                               
  7. La cottura è semplicissima. Dato che si usano prodotti gustosi e di qualità basterà salare e pepare gli abbracci a crudo e poi inserirli dentro una vaporiera, per poi cuocerli a vapore per 8 minuti.
                                   
  8. Una volta cotti servirli subito, così da portarli a tavola ben caldi. Concludi il piatto avvolgendo ogni abbraccio con una fetta di prosciutto crudo di Parma San Pietro e guarnisci con un sottile filo d'olio di oliva extravergine per concludere il piatto.
  9. Se vorrai poi abbinarci un contorno sarà sufficiente una semplicissima insalata di pomodorini ciliegini, magari condita con dell'aceto balsamico.

Ti è piaciuta questa ricetta? Fammelo sapere sulla mia pagina Facebook o condividila con i tuoi amici sui social.

Leggi tutto...

Cookies americani con M&M's

I biscotti americani più famosi


Quando sono stato in America mangiavo kg di cupcakes, hot dog e cookies. Quest'ultimi mi sono rimasti proprio nel cuore perché uno tirava l'altro e il loro profumo che usciva dalle pasticcerie ti faceva immergere subito nell'atmosfera del viaggio

Come nelle bakery americane

Mi colpirono anche per la loro semplicità di realizzo. Per questo li preparo sempre nella mia cucina. Bastano veramente pochi ingredienti e non c'è necessità di mattarello o sporcare molto. La loro fragranza poi riempe la cucina e  mi riporta subito la mente alle strade di New York.

Biscotti unici

Questi biscotti sono caratterizzati da una particolare friabilità. Infatti questi dolcetti risultano croccanti fuori e morbidi e burrosi dentro.
La ricetta originale prevede molto burro e altrettanto cioccolato. La versione che preparo io è un pochino più light. Metto infatti meno burro lasciando più potere al cioccolato. Il gusto non cambia molto.

Dall'America all'Italia

Questi che vi propongono rimarranno decisamente più simili a biscotti di frolla morbidi, quindi la consistenza non rispecchia l'originale ma se vorreste riproporre quelli classici, allora aumentate le quantità di burro del 15%.
Altro consiglio, se volete sostituire gli m&m's con la cioccolata, usate quella al latte.

LA RICETTA DI MARCO


Ingredienti per 25 cookies

  • 250 gr di farina 00
  • 150 gr di M&M's o gocce di cioccolato
  • 100 gr di burro
  • 200 gr di zucchero di canna
  • 200 gr di zucchero bianco
  • 1 pizzicotto di sale
  • 1 uovo

Preparazione

  1. Preriscalda il forno a 180° ventilato.
  2. Unisci la farina e il bicarbonato in una ciotola.
  3. In un altro contenitore sbatti l'uovo e lo zucchero di canna e bianco. Aggiungi il burro fuso e mescola il tutto.
  4. Aggiungere al tutto il mix di farina e 1/3 degli m&m's spezzettati. Impasta con le mani.


  5. Crea delle palline e adagia i futuri cookies su una teglia, foderata di carta da forno.
  6. Le palline si allargheranno, quindi disponile distante.
  7. Inforna per 8 minuti per far cuocere i biscotti.
  8. Infine falli raffreddare non accavallati su una gratella. Conservali anche per 4 giorni, fuori dal frigo in un contenitore ermetico.



Ti è piaciuta questa ricetta? Fammelo sapere sulla mia pagina Facebook o condividila con i tuoi amici sui social.

Leggi tutto...

Polpette svedesi con salse tipiche, stile Ikea

Le polpette di Ikea a casa nostra


Chi di noi non è mai andato all'Ikea
Che sia per acquistare un mobile che ci serve o che sia per andare a fare un semplice giro (che poi ti porta sempre ad acquistare qualche oggettino simpatico), nella giornata all'Ikea spesso e volentieri, ci si ferma anche a mangiare.

Il piatto più famoso, le polpette

Se quindi si pensa a cosa si può mangiare all'Ikea non può che venire subito in mente il famigerato piatto di polpette svedesi.
Le polpette svedesi sono chiamate originariamente Kottbullar e sono veramente buonissime. Queste polpette hanno un gusto molto pieno e speziato ma il tutto viene equilibrato dai suoi contorni e dalle tipiche salse di accompagnamento. 

L'originalità dell polpette di Ikea sta nelle salse

Proprio le salse sono un elemento caratteristico di questa pietanza svedese. Una è una salsa cremosa e agrodolce mentre la seconda è proprio una marmellata, preparata con dei mirtilli rossi sempre rigorosamente svedesi.

Prepariamo facilmente le Kottbullar in Italia

In questa ricetta vi presento la ricetta delle Kottbullar, ispirata dal'originale e la mia proposta delle salse in accompagnamento.
Sarà facilissimo portare nelle nostre tavole questo tradizionale piatto, senza fare fatica o impazzire a cercare chissà quale ingrediente particolare.


La ricetta di Marco


Ingredienti per 4 persone

  • 500 gr di macinato di manzo per polpette
  • 1 cipolla grande, bianca o bionda
  • sale e pepe QB
  • 4 fette di pancarré o bauletto
  • 125 ml di panna da cucina
  • 100 gr di mirtilli
  • zucchero QB
  • 1 tazzina di vino bianco
  • 2 uova
  • 4 cucchiai pan grattato
  • burro QB
  • 1 bicchiere di brodo a piacimento (meglio se di carne)

Preparazione

  1. Inizia nel pulire dalla buccia la cipolla e tagliarla a pezzettoni dentro un robot da cucina. Questa ricetta potrai farla tutta dentro al mixer.
  2. Frutta la cipolla fino a ridurla una purea. Noterai che rilascerà molto liquido, questo è quello che vogliamo. Apri con cautela il tappo del mixer, poiché i vapori della cipolla sono irritanti per gli occhi, e aggiungi al suo interno il pancarré spezzettato. Frulla nuovamente il tutto così che il liquido della cipolla verrà assorbito dal pane e il tutto creerà una salsa densa.
  3. A questo punto sempre nel mixer aggiungi la carne trita e le uova, infine una presa di sale e del pepe a piacimento. Trita tutto e fai in modo che si amalgami bene il preparato delle future polpette svedesi.
  4. Non ti resta che trasferire l'impasto in una ciotola e aggiungergli 3, al massimo 4 cucchiai di pan grattato. Mescola bene in modo da far assorbire l'umidità in eccesso del composto. Infatti il pan grattato serve solo a regolare non ad asciugare eccessivamente. 
  5. Per cuocere le polpette serviti di un tegame o meglio una pentola molto larga. Prepara tutte le polpette di dimensioni medio piccole e poi metti a sciogliere almeno 50 gr di burro nella padella designata. Il burro serve. 
  6. A fuoco basso rosola con delicatezza e omogeneamente tutte le polpette. Quando saranno ben dorate, sfumale con il bicchiere di brodo, anche quello vegetale andrà bene.
                                                 
  7. La cottura dovrà procedere a fuoco medio per 15 minuti, girandole sempre delicatamente di tanto in tanto.
  8. Una volta cotte preleva senza il brodo le polpette e disponile in un piatto. Il brodo ormai ridotto dovrà essere unito alla panna e fatto cuocere il tutto per altri 10 minuti, aggiustando di sale. La crema che otterrete sarà la famosa salsa che dovrà essere servita insieme alle polpette.
  9. Per quanto riguarda invece la marmellata agrodolce di mirtilli, io faccio una versione più agro che a mio dire risulta meno in contrasto con il salato delle polpette e della salsa.
                                                   
    Per prepararla dovrai, a fuoco alto, rosolare i mirtilli insieme ad un cucchiaino di zucchero e un pizzico di sale. Quando si saranno un po' spappolati e caramellati, sfumali con il vino e appena l'alcol sarà evaporato e il tutto ridotto, avrai ottenuto la tua marmellata per l'abbinamento alle polpette svedesi.

Ti è piaciuta questa ricetta? Fammelo sapere sulla mia pagina Facebook o condividila con i tuoi amici sui social.

Leggi tutto...

Insalata di riso avocado e gamberi

Un'insalata di riso ultra rapida

Quando arrivano i mesi caldi si cercano ricette sempre meno elaborate e soprattutto fresche! Le insalate si sprecano in questi casi e si cercano sempre nuove varianti. Personalmente adoro l'insalata di riso e ogni volta cerco di prepararla con ingredienti sempre diversi.

Devo dire però, che trovo la preparazione dell'insalata di riso comunque lunga e quindi ho studiato una versione veramente molto veloce e allo stesso tempo golosa.
Gli ingredienti sono pochi e sani, il condimento è super velocizzato utilizzando la maionese. Se poi si vuole tenere sempre la nota light allora quest'ultima può essere sostituita con yogurt e limone.

LA RICETTA DI MARCO

Ingredienti per 2 persone 

  • 1 avocado maturo
  • 60 gr riso da insalata
  • 150 gr di gamberetti
  • 2 cucchiai di maionese

Preparazione 

  1. Bollire il riso come da istruzioni.
  2. Quando il riso arriverà a metà cottura, metti a bollire insieme i gamberetti.
  3. Taglia a metà l'avocado, togli il seme e scavalco con un cucchiaio. Se vuoi servire poi l'insalata nel guscio vuoto cerca di non rovinare la buccia.
  4. Metà avocado taglialo a cubetti, mentre l'altra metà schiacciala per creare una crema. Addiziona alla sola crema la maionese o lo yogurt e regola di sale e pepe.
  5. Scola il riso e i gamberi cotti e lasciali raffreddare almeno 10 minuti.
  6. Mischia tutti gli ingredienti insieme e guarnisci con i cubetti di avocado e fette di limone (che serviranno anche a mom far ossidare troppo l'avocado nell'attesa).
Leggi tutto...

Le basi della cucina: carote al forno

Quando si pensa a come trasformare le verdure in un contorno si rischia sempre di pensare a ricette elaborate oppure l'esatto opposto, rischiando di finire per bollirle e condirle. In realtà ogni ricetta va bene per le verdure, perché comunque fa bene mangiarle ma se ci si dedica a qualcosa di semplice puntando però sul gusto ci sarà molta più soddisfazione nel portarle a tavola.


Le carote

Sempre nel frigo, poco sfruttate, le carote sono una verdura ricca di benefici che però trova poca fantasia in cucina. Le carote sono molto dure e quindi un po' scomode da preparare e la via più semplice per mangiarle, soprattutto d'estate, è la versione estiva grattugiata.

Cotte danno il meglio di loro

La carota però è molto buona anche cotta e non solo per il soffritto o bollita per la minestra. Una cottura che non è molto utilizzata è quella in forno e non solo questa variante semplifica il lavoro in cucina ma fa anche sprigionare un gusto particolare alle carote.

Pochi e passaggi e condimento

Il contorno di carote al forno è il degno sostituto salutare della carote cotte in padella al burro. La ricetta per prepararle poi è veramente facilissima e fa perdere pochissimo tempo. Non bisogna nemmeno avere il pensiero di patire il caldo per via del forno perché la cottura è anche abbastanza breve.

LA RICETTA DI MARCO

Per 4 persone:
  • 4 carote medie
  • 1 cucchiaino di origano
  • 1 cucchiaino di aceto balsamico
  • 1 cucchiaio di olio EVO
  • Sale QB
Preparazione:
  1. Lava e pela le carote e spuntale.
  2. Taglia a metà le carote e poi ogni metà in 4 per lungo, così da creare dei bastoncini.
  3. In una teglia foderata di carta da forno metti le carote e condisci con il sale, origano, olio e aceto e mescola il tutto.
  4. Se vuoi un profumo più pungente puoi inserire in cottura anche uno spicchio di aglio, da eliminare poi prima di servire.
  5. Cuoci per 20 minuti a 200°, girando le carote a metà cottura.
  6. Servi calde e non cuocerle troppo così da tenerle lievemente croccanti. La cottura in forno permetterà alle carote di far sprigionare tutta la loro dolcezza e renderle abbinabili sia alle carni che ad ogni tipo di pesce.

Leggi tutto...